Attività di orientamento

Intendiamo il processo di orientamento come un contributo e un sostegno alla persona nella costruzione della sua identità e nella capacità di acquisire strumenti di auto-orientamento (“orientare ad orientarsi”) per un governo autonomo dei momenti più significativi dell’esistenza.

L’azione orientativa nelle nostre sedi si sviluppa su tre assi portanti:

  1. ACCOGLIENZA E PRIMA INFORMAZIONE
  2. CONTRASTO ALLA DISPERSIONE SCOLASTICA
  3. SOSTEGNO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO

Rendere presente l’amore al giovane. Come? Attraverso il proprio esempio di vita.

  • Impegnandosi ad accettare ogni ragazzo nella concretezza dei suoi valori e dei suoi limiti.
  • Facendosi coinvolgere dalla totalità dei bisogni del giovane in vista del SUO sviluppo globale.
  • Nutrendo un profondo affetto verso i ragazzi, valorizzando il bene che è in loro, offrendo fiducia e relazioni positive.

Promuovere nel giovane una pienezza di vita. Come?

  • Impegnandosi in un’educazione globale, in cui l’aspetto intellettivo, quello espressivo e quello relazionale procedano armonicamente.
  • Aiutandolo a costruire un progetto che dia senso alla propria esistenza.
  • Favorendo nel ragazzo l’interesse verso la realtà sociale, culturale e territoriale, la storia e i segni dei tempi.
  • Coinvolgendolo attivamente, dandogli le responsabilità che è in grado di assumersi.

Approfondire l’esperienza storico-culturale cristiana. Come?

  • Favorendo uno spontaneo sviluppo della ricerca religiosa del ragazzo.
  • Orientando il giovane ad una formazione sociale che lo porti a vivere relazioni improntate alla fiducia reciproca, alla giustizia e alla solidarietà.